Di cosa si tratta – il Governo ha estratto a sorte 1.450 disoccupati abruzzesi, individuati tra i lavoratori che percepiscono da almeno quattro mesi la Naspi (Nuova prestazione di assicurazione sociale per l’impiego) e quindi tra soggetti in particolare difficoltà, che riceveranno l’assegno di ricollocazione.


Come funziona - L’assegno è una somma, non trasferita al disoccupato, di importo variabile da 250 a 5 mila euro, spendibile in servizi di assistenza intensiva nella ricerca di un lavoro. Per sei mesi il disoccupato può contare sull’aiuto di un’agenzia privata per il lavoro accreditata o di un centro per l’impiego, che lo assistono e lo guidano. Tali soggetti sono pagati solo a risultato: ricevono l’assegno unicamente in caso di ricollocazione del disoccupato con contratto a tempo indeterminato (anche apprendistato) o a tempo determinato se di almeno 6 mesi. L’importo dell’assegno varia: da 1.000 a 5.000 euro in caso di risultato occupazionale che preveda un contratto a tempo indeterminato; da 500 a 2.500 euro in caso di contratto a termine superiore o uguale a 6 mesi.
I servizi vanno richiesti, a pena di decadenza dallo stato di disoccupazione e dalla Naspi, entro due mesi dalla data di rilascio dell’assegno, che ha una durata massima di sei mesi prorogabile per ulteriori sei nell’eventualità in cui non sia stato consumato per l’intero ammontare.

A chi è rivolto - I potenziali destinatari (cioè coloro che sono disoccupati e stanno percependo la Naspi), comunque, possono verificare se il proprio nominativo rientra tra quelli selezionati attraverso l’inserimento del proprio codice fiscale nell’apposita pagina che è pubblicata sul sito internet dell’ANPAL www.anpal.gov.it È escluso dalla sperimentazione chi risulti già impegnato in analoghe misure di politica attiva erogata dalla Regione.

Struttura regionale competente - Dipartimento Lavoro e Sviluppo Economico –Servizi per il Lavoro (DPG007-DPG008)

Informazioni -  E’ possibile contattare il numero verde 800.000.039 attivo dalle 9 alle 18, dal lunedì al venerdì e la casella e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte - Abruzzo Lavoro