Di cosa si tratta – Il Fondo per il credito alle aziende vittime di mancati pagamenti è stato istituito dalla legge di stabilità 2016 ed è rivolto alle Piccole e medie imprese­­­­­ (PMI) in potenziale crisi di liquidità per mancati pagamenti da parte di aziende debitrici imputate per reati di estorsione, truffa, insolvenza fraudolenta e false comunicazioni sociali.

 

Come funziona - L’agevolazione, concessa in regime “de minimis”, consiste in un finanziamento agevolato a tasso zero di importo non superiore alla somma dei crediti documentati e non pagati vantati dall’impresa richiedente nei confronti delle imprese debitrici, e comunque non superiore ai 500.000 euro.

Disponibilità finanziaria - Per il triennio 2016-2018 la disponibilità finanziaria è di 10 milioni di euro annui, per un totale di 30 milioni di euro.

Presentazione delle domande - La presentazione della domanda di finanziamento agevolato è articolata nelle seguenti due fasi:
1)compilazione della domanda di finanziamento agevolato, a partire dalle ore 10.00 del 3 marzo 2017
2) invio della domanda di finanziamento agevolato, a partire dalle ore 10.00 del 3 aprile 2017
Le domande possono essere presentate dalle PMI beneficiarie esclusivamente tramite la procedura informatica accessibile nell’apposita sezione “Finanziamenti agevolati a PMI vittime di mancati pagamenti” del sito internet del Ministero (www.mise.gov.it) Le modalità e i termini sono definiti dalla Circolare direttoriale del 22 dicembre 2016 e sarà Invitalia ad affiancare il MISE nella gestione del Fondo.