Di cosa si tratta - Il ticket sanitario è una quota di partecipazione richiesta ai cittadini per sostenere spesa pubblica effettuata nell’ambito di una prestazione di assistenza sanitaria. La quantificazione del ticket spetta alle regioni, che ne incassano il corrispettivo. Tutti i cittadini che si sottopongono a prestazioni sanitarie che prevedono una compartecipazione, sono tenuti a pagarlo, tranne alcuni soggetti che possono essere esentati per reddito, età o malattie (Allegato 12 del DM 13.03.2008).

 

Tra i vari motivi si può richiedere l'esenzione per:

  1. Patologie croniche;
  2. Malattie rare;
  3. Reddito;
  4. Invalidità;
  5. Diagnosi precoce dei tumori;
  6. Gravidanza;
  7. Diagnosi HIV
  8. Vaccinazione obbligatoria.

Sono inseriti nelle suddette categorie anche gli invalidi di guerra, i grandi invalidi del lavoro, coloro che svolgono servizio civile, le vittime di terrorismo e della criminalità organizzata, detenuti etc. La lista completa delle esenzioni è reperibile a pag.23 e 24 della Carta dei Servizi Sanitari della Regione, sullo stesso documento sono esplicitate le modalità di richiesta di esenzione per ogni specifica motivazione.
Alle esenzioni per reddito abbiamo dedicato un altro approfondimento.